Home Artesplorazioni Vanitas, Sebastian Stoskopff

Vanitas, Sebastian Stoskopff

2
Sebastian Stoskopff, Vanitas
Sebastian Stoskopff, Vanitas
Sebastian Stoskopff, Vanitas
Sebastian Stoskopff, Vanitas, 1630, Kunstmuseum Basel, Basilea

Sebastian Stoskopff nacque a Strasburgo nel 1597. Non era di famiglia ricca e fu raccomandato al consiglio comunale in modo che i facoltosi borghesi che lo componevano trovassero una possibile strada professionale al giovane artista talentuoso. Fu mandato nel cuore dell’Assia, a Hanau, la città dove due secoli dopo sarebbero nati i fratelli Grimm, celebri autori di fiabe. Lì frequentò la bottega di Daniel Sorenau, un ugonotto fuggito dalle Fiandre francofone e cattoliche. Morto il maestro, fece bottega con l’altro discepolo, Joachim von Sandrart, pittore e teorico che scrisse la prima biografia di Grunewald. Questa che vi presento di lui è una vanitas, cioè quel tipo di natura morta che ci ricorda la fine che tutti noi saremo destinati a fare.

Ma questa natura morta è così diversa da quelle della controriforma, così ineluttabile e scientifica. Quest’opera spiega il dilemma dell’artista, diviso tra le paure germaniche e i fascini della lingua francese rappresentata dall’almanacco che vediamo sullo sfondo e che Stoskopff probabilmente aveva trovato a Parigi dov’era stato prima di fare tappa anche in Italia.

Scopri di più …

Questo post fa parte di una serie di piccoli giochi di curiosità dedicati alle nature morte. Leggi altro seguendo l’etichetta #naturemorte(nonmorte)

C.C.

Fonti: Il museo immaginato, Philippe Daverio, Rizzoli, Milano, 2011

2 Commenti

  1. Davvero, davvero interessante questa Vanitas; come lo é anche la storia di Stoskopff che, pur vivendo molto vicina al cuore dell´Assia (a Göttingen, altra cittá importante per i Bruder Grimm), ancora non conoscevo.
    Grazie e buona giornata!
    Sara

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here