Home Artesplorazioni Apollo del Belvedere

Apollo del Belvedere

0
Apollo del Belvedere

Apollo del Belvedere

LApollo del Belvedere è una copia romana del II secolo d.C. di un originale in bronzo del IV secolo a.C. L’originale è attribuito allo scultore greco Leochares, uno degli artisti che lavorarono al mausoleo di Alicarnasso, opera monumento collocata tra le sette meraviglie del mondo antico. La statua venne ritrovata ad Anzio, cittadina sul mar Tirreno a una cinquantina di chilometri da Roma, alla fine del XV secolo. Dopo il ritrovamento l’opera finì nella collezione del cardinale Giuliano della Rovere che, una volta diventato papa col nome di Giulio II nel 1503, la portò con sé per esporla nel cortile del Belvedere in Vaticano.

Apollo del Belvedere
Giorgio de Chirico, Chant d’amour

La scultura rappresenta Apollo, dio del sole, in una posa di grande solidità, armato di arco, simbolo e strumento della sua potenza vendicatrice. La statua che vediamo oggi però non è proprio del tutto originale. Giovanni Angelo da Montorsoli, un religioso scultore e architetto, la restaurò nel 1532 aggiungendo gli avambracci e le mani che in realtà mancavano. Questo intervento, un po’ forzato, venne rimosso nel 1924 per poi essere ripristinato nel 1999, testimoniando come i gusti in fatto di restauri spesso cambiano nel corso della storia. L’opera fu creduta un originale greco fino a tutto il Settecento. Lo storico dell’arte tedesco Winckelmann vi riconobbe personificato “il più alto ideale dell’arte fra tutte le opere antiche”. Winckelmann pensò che la mancata realizzazione nella scultura delle vene e dei tendini fosse il segno di uno spirito divino.

sostieni artesplorando

Una copia dal grande fascino

In realtà si scoprì poi che la scultura, tecnicamente non perfetta, è una copia romana, ridimensionando la sua fama, senza però diminuirne il fascino che ancora oggi ispira nei visitatori dei Musei Vaticani. In questa statua ritroviamo la grandiosa purezza e nobiltà degli dei condensata attraverso una forma che ci appare leggera. Apollo è pronto a scatenare la sua collera, ma qui diventa un atto senza dolore, un’espressione di splendore e un brillante gioco di stile. La suggestione di quest’opera allungò la sua ombra nel corso della storia dell’arte, fino ai giorni nostri. Influenzò artisti, movimenti e comparve in altre opere d’arte. Un esempio su tutti è l’opera Chant d’amour del pittore Giorgio de Chirico in cui la testa dell’Apollo appare ritratta a fianco di un guanto da cucina.

Scopri di più …

Ti piace l’opera? scrivimi tutte le tue impressioni nei commenti e se vuoi scopri di più sull’arte romana e sull’arte greca antica!

C.C.

Questo post si avvale di contributi bibliografici vari che potete consultare qui

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here