Arnold Bocklin – l’isola dei morti

0

L‘audioquadro è un nuovo modo per conoscere i più grandi capolavori della storia dell’arte. In maniera semplice e in pochi minuti. Qui vi parlerò di l’isola dei morti di Arnold Bocklin. La più famosa invenzione iconografica dello svizzero Arnold Bocklin è L’isola dei morti, che a partire dal 1880, fu realizzata in cinque versioni diverse, quattro delle quali sono giunte fino a noi.

sostieni artesplorando

In tutte le versioni del dipinto, dall’impenetrabile oscurità dei flutti marini si innalzano rocce, magicamente illuminate, che si stagliano contro il tetro cielo notturno, aprendosi a semicerchio davanti allo sguardo dell’osservatore. Nelle pareti rocciose di questo porticciolo naturale sono scavate alcune camere sepolcrali, tra le quali si innalzano scuri cipressi. Una piccola imbarcazione che trasporta una bara e una figura statuaria in piedi, avvolta in un mantello bianco quasi fosse una mummia, scivola lentamente sull’acqua condotta dal rematore. Sembra quasi di sentire il rumore dei remi e questa impressione non fa altro che aumentare il silenzio che tutto avvolge, un silenzio raggiunto dall’artista anche grazie all’equilibrio tra linee verticali e orizzontali.

Arnold Bocklin

Il video è anche sottotitolato in italiano, inglese, francese e spagnolo. Per i sottotitoli in lingua straniera puoi contribuire anche tu! Segui quindi la playlist “audioquadri” per non perderti mai nulla e lascia un commento sotto ai video in cui puoi tu stesso suggerirci opere oppure nuovi temi da trattare in futuro. Il tuo contributo è quindi prezioso. 😊

Iscriviti al mio canale Youtube: www.youtube.com/artesplorandochannel

Ecco qui le playlist principali:

➡ Al museo con Artesplorando: http://bit.ly/2dJDEyZ
➡ Audioquadri: http://bit.ly/2hDPO1A
➡ 10 momenti di: http://bit.ly/2dJCQdk
➡ Artisti in 10 punti: http://bit.ly/2dJCEur
➡ Artesplorazioni: http://bit.ly/2iW15bP
➡ Quick Art: http://bit.ly/2j7jkvp

Letture da Artesplorando blog:

➡ www.artesplorando.it/2015/02/paesaggi-lisola-dei-morti.html

La riproduzione dell’opera:

➡ https://amzn.to/2VfzN2k

Buona visione e buona lettura!

C.C.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here